India - Avvicendamento sostenibile

Il paraquat promuove raccolti più abbondanti di canna da zucchero e assicura il controllo delle infestanti nelle coltivazioni di erba medica in India riducendo al contempo il costo della manodopera e dei materiali. canna da zuccheroNello stato indiano di Maharashtra, la canna da zucchero e l’erba medica si coltivano spesso nei terreni della stessa azienda assieme al bestiame da latte. La canna da zucchero è il raccolto da reddito, mentre l’erba medica è utilizzata come mangime per il bestiame. Il paraquat è il componente essenziale di questo sistema. In virtù dell’azione di contatto e dell’impatto ambientale minimo, il paraquat consente il controllo delle infestanti a costi inferiori rispetto a quelli della scarsa manodopera locale o di ogni altro programma di diserbo. Nella canna da zucchero, il paraquat si applica di regola previa miscelazione diretta nel  contenitore con 2,4-D ed è irrorato 15-20 giorni dopo l’emergenza dei nuovi germogli. Sebbene l’azione di contatto dell’erbicida sopprima i germogli, stimola al contempo l’accestimento con lo sviluppo di più germogli laterali e conseguente miglioramento della resa. Ritardando l’applicazione dell’erbicida, il controllo delle infestanti è garantito per almeno 45 giorni quando il raccolto “si chiude” e le infestanti non costituiscono più un problema. Nell’erba medica, il paraquat si applica ogni 21 giorni dopo la mietitura del raccolto. Poiché l’erbicida si disattiva a contatto con il terreno e non presenta attività sistemica, il diserbo si ottiene senza danneggiare l’apparato radicale dell’erba medica da cui emergono rapidamente i nuovi germogli per rinnovare il ciclo. Oltre a questi vantaggi, il paraquat consente agli agricoltori rese più elevate e un maggior controllo delle infestanti; i vantaggi sostenibili di questo sistema sono:
  • una necessità notevolmente ridotta di fertilizzanti artificiali perché l’erba medica arricchisce d'azoto il terreno preparandolo alla semina della canna da zucchero e il concime degli animali dell’azienda viene sparso di nuovo sui campi,
  • il minor fabbisogno di fertilizzanti artificiali arreca minor danno al terreno e non contamina le acque della falda.
  • i residui di lavorazione degli zuccherifici, resi disponibili e sparsi sul terreno migliorano il contenuto di materia organica presente nel suolo

    Definizione

    Processo naturale di asportazione delle sostanze idrosolubili presenti nel terreno verso il basso fino alla falda acquifera.  
    stimolando la crescita del raccolto e aumentando il numero dei microrganismi ivi contenuti.